Il Manifesto

(scarica la versione .pdf)

L’ambiente resiliente è in grado di assorbire shock territoriali, sociali, economici ed infrastrutturali adattandosi e rinnovandosi, nel rispetto delle sue funzioni e della sua identità.

La resilienza è una componente necessaria per lo sviluppo sostenibile, che agisce sui modelli organizzativi e gestionali dei sistemi territoriali e urbani. Un territorio ed una città sostenibili sono un territorio ed una città resilienti.

In tal senso, le città sono un sistema adattivo altamente complesso che non ha ancora raggiunto le capacità di preparazione, risposta e recupero delle proprie funzioni a seguito, ad esempio, di eventi meteorologici estremi senza creare danni alla sicurezza pubblica, alla salute e all’economia.

Emerge l’urgenza di indirizzare le attuali pratiche di pianificazione del tessuto urbano, rurale e naturale da un approccio settoriale e principalmente volto al soddisfacimento delle necessità produttive e sociali ad un approccio interdisciplinare basato sui principi di minor interferenza rispetto all’ambiente naturale e, più in particolare, alLe Vie dell’Acqua.

Il raggiungimento della resilienza dell’ambiente antropizzato non può prescindere da un’efficiente gestione delLe Vie dell’Acqua intese come il complesso ciclo delle acque in ambito naturale e artificiale.

Le Vie dell’Acqua devono essere affrontate in senso più ampio rispetto al concetto tradizionale di un insieme di sistemi ingegnerizzabili. Vanno gestite come sistemi sociali ed ecologici che includono complesse interazioni tra la cittadinanza e le diverse componenti tecniche e ambientali.

L’Associazione Le Vie dell’Acqua intende promuovere i principi di corretta pianificazione e gestione dell’ambiente antropico ispirandosi alle logiche di:

  • Ridondanza delle componenti del sistema per garantirne la funzionalità in caso di criticità
  • Diversificazione delle sue funzioni per la protezione dai diversi fattori di rischio
  • Efficienza nell’uso delle risorse ambientali
  • Resistenza ovvero riduzione della sua vulnerabilità
  • Indipendenza delle sue componenti per garantire il loro funzionamento autonomo
  • Adattabilità degli aspetti sociali, produttivi e della loro evoluzione in ottica resiliente
  • Partecipazione dei suoi cittadini di concerto con gli operatori sui temi della resilienza

L’Associazione intende facilitare il dialogo tra gli operatori e le Amministrazioni sulle tecniche di gestione sostenibile dei sistemi ambientali, sull’utilizzo di modelli di sviluppo avanzati nella pianificazione territoriale e sul mantenimento del naturale ciclo delLe Vie dell’Acqua superficiali e sotterranee.

L’ Associazione vuole interpretare le situazioni di incertezza e cambiamento, mettendo in atto rinnovate capacità di organizzazione e auto-protezione, utilizzando modalità di conoscenza interdisciplinari.